Come guadagnare soldi con Instagram

Smartphone con applicazione Instagram in esecuzione

Instagram è il social network delle fotografie per antonomasia. Ha soppiantato di gran lunga Pinterest e Tumblr, piattaforme decisamente meno immediate e intuitive. Tutti usano Instagram per scattare e condividere immagini con hasthag, rendendo partecipe il mondo di qualsiasi cosa.

Ok, lo conosciamo già tutti, per cui andiamo dritti al punto, ok?! Si può guadagnare con Instagram? Certo che si, ma (e tutto quello che viene prima di un “ma” non conta) non è proprio facilissimo…

Alcuni personaggi ci fanno un sacco di soldi, altri zero. Ma se ci pensiamo un attimo, Instagram non è altro che un strumento per aumentare la propria influenza… Facciamo un esempio pratico per capire meglio questo concetto. Se Selvaggia Lucarelli va in un ristorante di Milano e condivide su Instagram la foto di un risotto coi funghi, il locale aumenta di colpo la propria popolarità. Se ci andiamo noi comuni mortali e facciamo la stessa cosa, non succede un tubo. Adesso è più chiaro?!

Qual’è la differenza tra noi e la Lucarelli? I followers!!! Io ne ho 123, lei 250.000… c’è una bella differenza… Non le vogliamo fare i conti in tasca, ma molto probabilmente per ogni foto “commerciale” che condivide, intasca centinaia di euro, oltre a inviti ad eventi e regali. Io ho detto la Lucarelli, ma sono tanti i VIP che vendono i posts su Instagram. Provate a dare un’occhiata al profilo di Caterina Balivo, è un continuo pubblicizzare Calzedonia, Vileda, etc etc.

Ho fatto l’esempio di Selvaggia Lucarelli perché lei è propriamente un “influencer”, un utente di social network con molti followers attivi. E se hai i followers che ti seguono, allora i grandi brands commerciali ti propongono di provare i loro prodotti e mostrali sui social network. E pensa un po’, possono anche pagarti…

Logicamente stiamo parlando di account con migliaia di seguaci, reali e attivi. Perché quello che conta realmente nella pubblicità (di qualsiasi tipo) è il coinvolgimento (engagement) degli utenti. Quindi non bastano tanti utenti che ti seguono, ma servono anche molti like e commenti. Per cui lascia perdere quei programmini che ti fanno aumentare gli iscritti, non servono a nulla. La popolarità su Instagram (come su tutte le altre piattaforme) va conquistata metro dopo metro, utente dopo utente.

Da dove cominciare?

Ovviamente dalla registrazione, non sto scherzando! Sei già registrato con il tuo nome reale e ti seguono mamma, papà e tua sorella? Può anche andare bene, perché un po’ di vita reale deve trasparire dal tuo account, altrimenti sembra di essere al mercato del pesce…

Influencer vendono posts su Instagram
Crediti immagine: Grabb.ca

Però dai, cerchiamo di darci un’immagine da vero influencer! Scegliamo un ambito d’influenza in cui possiamo veramente dire qualcosa d’interessante. Non voglio menarla con la solita storia di “guadagnare con le tue passioni”, però se hai un fisico da sollevatore di polemiche non puoi andare a fare il fitness vlogger… Scegli un ambito in cui sei attivo e preparato, dove puoi condividere immagini di qualità con una certa regolarità.

Ho accennato al fitness perché è un ambito che “tira” molto. Girano un sacco di soldi intorno al mercato degli integratori alimentari e aziende come MyProtein o BulkPowders sono sempre in cerca di piccoli influencers su Instagram. Non ho idea di cosa offrono, forse solo uno sconto sui loro prodotti, ma a chiedere qualcosa in più si fa sempre in tempo. Tornando a noi, ambito d’influenza e foto di qualità. Fino a qua ci siamo, andiamo oltre.

Aumentare il numero di followers

Stiamo già condividendo immagini bellissime ma non ci caga nessuno? Forse non stiamo usando bene gli hashtags… Rispetto a Facebook, su Instagram gli hashtags funzionano alla grande, ma vanno usati con cognizione di causa. Non possiamo usare #lafotopiùbelladelmondofattadame perché è troppo particolare e non viene utilizzato da nessuno, allo stesso modo #food è troppo inflazionato e le foto finiscono rapidamente in fondo allo stream. La virtù sta nel mezzo! Studia la concorrenza, guarda quali sono gli hashtags che hanno un engagement migliore e usali anche tu.

Partecipa alla vita della community, commenta le foto degli altri utenti con discorsi sensati e non col il classico e fastidioso “seguimi”. E non fare neanche il “follow for follow”, seguire un altro utente solo per farti seguire da lui. Non so dove hanno imparato, ma questi furboni ti lasciano il follow, tu contraccambi e loro smettono di seguirti. Forse sono stato un po’ contorto, ma ci siamo capiti.

Hai anche le storie per aumentare il tuo potenziale, magari usando anche i video perché non c’è niente di più inutile di una storia composta solo da una foto. Che senso ha?

Recentemente sono state introdotte anche le dirette, quelle però vanno usate più avanti, quando avrai già una buona base di followers.

E come facciamo a vendere i prodotti in affiliazione? Possiamo aspettare che qualche azienda si faccia viva su Direct, oppure andare noi a chiedere. Altrimenti ci iscriviamo su Zanox, Tradetracker o Tradedoubler e facciamo richiesta attraverso questi network. Però siamo sempre allo stesso punto, se non abbiamo una buona base di followers, le richieste saranno inesorabilmente respinte.

Altri metodi di guadagno con Instagram

Hai una tua attività? Allora puoi aumentare il numero di clienti usando Instagram. Se però vendi enciclopedie la vedo un po’ dura. Siamo sempre nell’ambito della fotografia e il prodotto deve avere un forte impatto visivo. Se hai un ristorante allora è perfetto, puoi mettere le foto dei piatti migliori, tavolate, vino, etc. Anche una palestra può essere ben pubblicizzata su Instagram, condividendo immagini di belle ragazze (anche bei ragazzi) che si allenano!

Ancora meglio un e-commerce, così superiamo anche l’ostacolo della distanza. Chiaramente le foto vanno scattate con cura, corredate sempre da descrizione e hashtag. E non scordare di lasciare i tuoi riferimenti, nel post o in biografia, altrimenti i potenziali clienti non sapranno come trovarti.

Vendere le fotografie

Se sei un fotografo, professionista o appassionato, puoi sempre vendere i tuoi scatti. E come? Ci sono dei servizi che pagano per le immagini su Instagram.

È importante sottolineare che nessuno acquisterà il diritto esclusivo sulla foto venduta, per cui la stessa fotografia può essere venduta più di una volta.

Twenty20

Twenty20

Questo sito permette di concedere il diritto di utilizzo per le foto postate su Instagram. Sicuramente avrai già sentito parlare di iStockphoto o Shutterstock, e saprai che hanno database molto forniti. Ebbene, Twenty20 ha un catalogo ancora più grande.

È possibile guadagnare il 20% per ogni acquisto di foto disponibili in tre dimensioni: piccolo, medio e grande, al prezzo rispettivamente di 10$, 20$ e 50$. Quindi se qualcuno acquista una tua foto nel formato grande, tu intaschi 20$.

Foap

Foap

Se non conosci Foap, sappi che si tratta di un colosso nel campo della vendita di foto. Anche grandi aziende come la Sony cercano immagini all’interno del loro catalogo.

Iscrivendoti a Foap e diventando un Foaper, guadagnerai il 50% per ogni foto venduta. L’unica pecca è che esiste un solo formato, al costo di 10$, il che si traduce in 5$ di guadagno.

Vendere l’account

Ti sei stufato di Instagram. Allora prima di cancellarti e buttare tutto il lavoro che hai fatto, puoi venderlo attraverso dei siti che si occupano proprio di questo. Ad esempio FameSwap e ViralAccounts, che trattano anche altri social network.

Conclusioni

Ricapitolando, Instagram è una piattaforma che possiamo monetizzare. Quello che conta veramente è la quantità e qualità dei followers. Bisogna aumentare la propria base di utenza e stimolare l’engagement. Dopo di che possiamo sperare che qualche azienda si faccia viva oppure ci muoviamo noi, attraverso Direct o un network di affiliazione.

Se abbiamo un’attività nostra, possiamo usare la piattaforma per pubblicizzarsi. Se invece vogliamo vendere le fotografie, c’iscriviamo su Foap o Twenty20.

Quando poi Instagram ci ha rotto le scatole, vendiamo l’account attraverso ViralAccounts o FameSwap.

Tutto chiaro? Very Good!!!

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *