Guadagnare dalla conoscenza di WordPress

Guadagnare con Wordpress

In questo sito abbiamo già parlato di come un blog su un determinato argomento possa diventare una interessante forma di guadagno con cui arrotondare o da trasformare in un vero e proprio lavoro.

Un fattore chiave per guadagnare con un blog è quello di trasmettere fiducia e credibilità ai vostri lettori. Solo attraverso un’estrema conoscenza dell’argomento di cui parlate, potrete guadagnarvi la loro fiducia e magari pensare di vendergli qualcosa, ovviamente qualcosa che voi conoscete e consigliate (altrimenti il fattore credibilità viene meno).

Immaginiamo voi siate degli esperti di WordPress, il celebre software di Content Management. Questa conoscenza potete averla acquisita sul lavoro oppure nell’ambito del problem solving legato a siti di vostra proprietà realizzati con questo CMS.

Sta di fatto che questa conoscenza potete metterla a frutto. Vediamo come!

In un blog dedicato a WordPress dovete sicuramente dedicare una sezione alle guide for dummies, ovvero per principianti assoluti. Tra queste guide troveranno spazio le spiegazioni per risolvere le problematiche WordPress più comuni come installazione, migrazione ecc… Tra queste guide online possono trovare a buon titolo spazio anche le segnalazioni di guide cartacee al software.

Iscrivetevi al programma di affiliazione Amazon e segnalate i migliori libri su WordPress sul vostro blog. Ogni volta che un lettore acquisterà online un libro, voi guadagnerete una piccola commissione. Come spiegato in questo articolo è impensabile guadagnare cifre per così dire interessanti, se il vostro sito non fa grandi numeri a livello di visitatori.

Possiamo anche svincolarci dalle affiliazioni proponendo un percorso di apprendimento a pagamento che cureremo noi stessi. Ci sono diverse metodologie per proporre un corso del genere: possiamo strutturare un video-corso da distribuire previo pagamento agli utenti interessati, scrivere degli articoli premium sul nostro blog accessibili solo agli utenti registrati e paganti, funzionalità che si può ottenere con dei plugin per gestire le membership e i pagamenti con Paypal o carte di credito. Possiamo fare delle lezioni online attraverso Skype o addirittura organizzare un corso in aula ma in questo caso avremo le spese per l’affitto del locale e il prezzo agli utenti dovrà essere adeguato per trarne un profitto.

È vero che WordPress è il CMS più utilizzato e ovviamente sono presenti grosse quantità di materiale didattico su questa piattaforma, ma fermo restando che il mercato non è ancora saturo è importante sottolineare che per quanto riguarda l’Italia sono rare le risorse per utenti più avanzati. WordPress è una piattaforma particolare, è molto facile da utilizzare all’inizio e tutti possono mettere online il proprio blog ma nel momento in cui si intende estenderne le funzionalità, arriva il difficile. Ecco perché a mio avviso sì ci si potrebbe differenziare dalla concorrenza proponendo delle guide d’implementazione avanzate che, come ripeto, sono difficili da reperire in italiano

Il secondo metodo riguarda sempre i programmi di affiliazione, ma questa volta riguarderà la vendita di servizi di hosting. Ovviamente i siti web per funzionare online hanno bisogno di un hosting, cosa c’è di meglio su un sito che parla di WordPress di un articolo dal titolo “I migliori hosting per il tuo sito in WordPress” in cui si vada a spiegare pregi e difetti dei migliori hosting italiani ed internazionali?

La terza tecnica riguarda ancora una volta i programmi di affiliazione ma questa volta gli articoli e le guide dalle quali avrete l’ambizione di guadagnare non saranno rivolti ai principianti assoluti ma agli utenti che hanno già una certa conoscenza del CMS. A questi utenti potrete consigliare plugin e temi WordPress Premium sulla vendita dei quali, ancora una volta, voi potrete guadagnare sulle commissioni. Se cercate dei marketplace di plugin e temi WordPress a pagamento dotati di programmi di affiliazione vi consigliamo Theme Forest e più in generale il network di Envato.

Se poi siete abili con la programmazione PHP e conoscete bene il core del software potete voi stessi sviluppare temi e plugin a pagamento da vendere su queste piattaforme.

L’ultimo metodo che vi segnaliamo è quello meno “web” di tutti e consiste nell’acquisire una credibilità tale da venire ingaggiati come esperti di WordPress, da una web agency che cerca uno sviluppatore Wp o magari da qualcuno con un sito WordPress compromesso o bisognoso di manutenzione. In questo caso non dimenticatevi di inserire sul sito chiare call to action in stile “Se vuoi ingaggiarmi clicca qui” e soprattutto non dimenticatevi di metterci la faccia: la gente non ingaggia chi non conosce!

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *