Guadagnare con Facebook

guadagnare con facebook

Tutti noi passiamo moltissimo tempo sui social network, in particolare Facebook. Sono anni che usiamo questa piattaforma e in molti si chiedono se c’è un modo per guadagnare con Facebook, unendo l’utile al dilettevole.

A chi non piacerebbe fare soldi mentre passa un po’ di tempo leggendo i post di amici e conoscenti?! Qualcuno ti avrà già parlato di questa possibilità, ma cosa c’è di vero?

Molto spesso dietro queste opportunità si nascondono truffe o semplici catene di Sant’Antonio. Ma allora non si può lavorare seriamente con Facebook? Certamente, e la bella notizia è che puoi iniziare a guadagnare senza fare investimenti. Però ricordati che per guadagnare online serve un progetto vero, che poi si possa sviluppare attraverso gli strumenti che il web ci mette a disposizione, come appunto Facebook.

Cosa serve per guadagnare con Facebook? Per prima cosa bisogna avere del tempo per dedicarsi a questa attività, e fino qui ci siamo. Dopo di che serve un’idea….

Andiamo un po’ più sul concreto. Essenzialmente esistono tre metodi per guadagnare su Facebook: vendere dei tuoi prodotti, promuovere dei prodotti in affiliazione oppure sfruttare altre tipologie di pubblicità, Pay per impression e Pay per click.

dario vignaliSuppongo che tu non abbia un e-commerce da veicolare sui social network, per cui andiamo direttamente alla promozione di prodotti per conto terzi. Esistono alcuni network di affiliazione con i quali si può guadagnare senza avere necessariamente un sito internet. Il più famoso all’estero è sicuramente ClickBank, specializzato negli infoprodotti.

Qui da noi lo utilizzano in pochi, ma da qualche mese comincia a vedersi un po’ di materiale anche in Italiano. Ad esempio, il celebre web marketer Dario Vignali ha realizzato un corso per guadagnare con Instagram e ha deciso di pubblicizzarlo proprio attraverso ClickBank.

Un altro network di affiliazione che si può utilizzare è PrClick. Io non lo mai usato, però leggendo nei forum del settore, ho capito che si può guadagnare sia dai click che il link riceve e sia dalle vendite generate. Il problema è che se non c’è un rapporto equilibrato tra questi due fattori, l’account sarà disabilitato.

In teoria si potrebbe utilizzare anche il programma di affiliazione di Amazon, ma per l’iscrizione bisogna indicare un sito internet di riferimento. È indispensabile quindi avere un blog, ma poi la promozione può essere fatta anche attraverso i social network.

Personalmente seguirei questa strada, ossia usare Facebook per attirare traffico e poi dirottare gli utenti interessati verso la tua pagina di vendita. La quale può contenere un tuo prodotto oppure che rimandi allo shop di Amazon o di qualsiasi altro store che hai deciso di promuovere.

Per mettere in pratica questa strategia, ci serve una pagina Facebook, ben distinta dal tuo profilo personale. Se vuoi fare business sui social network, le tue opinioni personali, soprattutto in materia politica, religiosa e calcistica, te le devi tenere per te. Creare una pagina su Facebook è molto semplice, basta collegarsi a questa pagina e seguire la procedura guidata. Associa il tuo blog e scegli la grafica della fan page.

Benissimo, abbiamo la nostra pagina con immagine del profilo e una bella copertina. Ora ci serve il pubblico. Iniziamo invitando i nostri contatti personali. Non tutti accetteranno l’invito a mettere mi piace, anzi la percentuale sarà abbastanza bassa, ma è pur sempre un inizio.

Per acquisire un pubblico importante, dobbiamo lavorare. Sconsiglierei di partire con una campagna a pagamento per ricevere nuovi like. Se non mi credi apri la tua bacheca, cerca il primo post sponsorizzato e vedi chi ha lasciato il mi piace. Vai sui loro profili e ti accorgerai che hanno lasciato il like un po’ a tutto. A noi serve gente realmente interessata a quello che facciamo, che ci lasci dei commenti e contribuisca alla viralità dei contenuti condividendo i post.

A maggior ragione lascia perdere tutti quei programmi che ti fanno acquisire nuovi fans. Un coinvolgimento del genere, sia utilizzando le campagne di Facebook che questi scripts, non è utile alla nostra causa.

Come aumentare i fans di una pagina

condividere video su facebookPurtroppo una Pagina Facebook legata ad un’attività commerciale, difficilmente riuscirà a coinvolgere gli utenti spontaneamente. A meno di non avere disposizione un gran budget e creare delle campagne pubblicitarie di grande impatto.

Per una piccola realtà sarà indispensabile affidarsi a FB Ads, il sistema promozionale a pagamento di Facebook.

Non sono scettico sulle tue capacità di marketing, ma dai un’occhiata al mercato, cosa condividono maggiormente i tuoi amici? Generalmente possiamo raggruppare i contenuti virali in tre categorie:

  • Emozioni
  • Indignazione
  • Divertimento

Difficilmente vediamo un contatto che condivide qualcosa di realmente utile per gli altri. Si cerca sempre di ricevere un consenso attraverso post e video che suscitino una reazione da parte delle cerchie. Ecco perché vediamo spesso video di cani abbandonati, gattini che giocano, articoli sul politico di turno, etc.

Perfetto, allora forse utilizzare Facebook come canale principale per vendere dei prodotti non è la soluzione migliore per guadagnare online. Per aumentare spontaneamente il numero di followers sfruttiamo le caratteristiche del pubblico di Facebook, utilizzando il prodotto che va per la maggiore: la condivisone di video. E come si fa a monetizzare questa attività? Semplice, utilizzando delle piattaforme create appositamente.

Guadagnare con Caosvideo

Caosvideo sta riscuotendo molto successo. Con questa piattaforma si può guadagnare con i video di Youtube, in due maniere. La prima consiste nello scegliere un video e inserire una descrizione di almeno 130 parole, composte da più di un carattere. Con il secondo metodo, invece, basterà accedere ai video già descritti dagli altri utenti di Caosvideo e condividerli su Facebook o qualsiasi altro social network.

Il guadagno si genera attraverso Adsense, in due modi che l’utente può scegliere a sua discrezione. Nel primo caso bisognerà disporre di un proprio account e collegarlo al profilo di Caosvideo. Se non si vuole utilizzare il proprio conto Adsense, scegliamo il secondo metodo di pagamento. In questo caso, i banner pubblicitari nei video saranno quelli della stessa piattaforma. Nelle condizioni di contratto, si può leggere che nel caso l’account Adsense di Caosvideo fosse bannato, le commissioni del promotore saranno annullate.

caosvideo

Guadagnare con Guardalo

Con Guardalo, si tratta in parole povere di gestire un blog dove caricare dei video presi da Youtube e aggiungere una descrizione di almeno 150 parole. Dopo di che i link vanno condivisi su Facebook. Più saranno interessati i video e maggiori saranno le visualizzazioni e di conseguenza i guadagni.

Si viene pagati direttamente da Google, con il suo circuito pubblicitario Adsense, quindi stiamo parlando di una cosa seria e non cavolate. Come sappiamo Google Adsense ha delle regole ferree per quanto riguarda i contenuti per cui non si possono caricare video con riferimenti espliciti al sesso o alla pornografia, razzismo, droghe, etc. Insomma devi fare il bravo.

Ci sono due strade e devi sceglierne una. La prima è totalmente gratis e devi totalizzare duemila visite per qualificarti. La seconda ti permette di saltare questo passaggio e con soli 9,99€ ti preparano subito il blog, con estensione .info, nel quale andrai a lavorare.

guardalo

Compravendita di pagine Facebook

Costruire un pubblico importante è una procedura molto lenta, per cui in molti preferiscono acquistare delle pagine che abbiamo già una platea degna di nota. Osservando gli annunci su forum di guadagno online, ci possiamo fare un’idea sui prezzi di mercato. Generalmente si paga circa 0,01 € a fan, quindi una pagina con 500.000 followers costerebbe intorno ai 500 €.

È evidente che se si acquista una pagina che parla di patatine fritte, non si potrà poi pubblicare link che esulano dalla tematica principale. Non ho scelto a caso il nome. Il proprietario della pagina Patatine Fritte, dopo un periodo in cui pubblicava ricette e altri argomenti culinari, probabilmente ha venduto il suo spazio, perché di punto in bianco i nuovi post riguardavano persone decedute, incidenti e altre cose del genere.

Si utilizzava il metodo del click bating, esca per click. Con questa tecnica, non si danno informazioni sul contenuto dell’articolo, ma si punta a stimolare la curiosità dell’utente e portarlo sul sito. È una tecnica utilizzata anche dalla pagina Facebook di Leggo e di FanPage.

click bating

Va benissimo aumentare il fatturato spingendo le persone a visitare il sito, ma su certe cose non transigono, come appunto speculare sulla morte. Ho tolto il like a Patatine Fritte, al quale auguro di trovare una dimensione più etica.

Conclusioni

Facebook è un ottimo strumento per guadagnare online, ma solo se usato a supporto di un’attività vera e propria. Non esistono metodi per fare soldi dal nulla. Se hai già un tuo blog, puoi incrementare le visite curando maggiormente la tua presenza social. Se invece parti da zero, ti consiglio di usare una piattaforma tra CaosVideo e Guardalo. Crea la tua pagina Facebook e datti da fare per aumentare il pubblico.

Una volta raggiunti i 10.000 fans, puoi cominciare a postare qualche link di affiliazione, con garbo, senza esagerare, perché poi l’utente medio Facebook si sentirà offeso. È inammissibile per lui che tu guadagni alle sue spalle. Cerca di far passare i link come consigli, una tua esperienza positiva che vuoi condividere con gli altri.

Alle persone piacciono le storie, non devono essere necessariamente vere. Inventati qualcosa e buon guadagno.

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *