5 strategie per trovare l’articolista giusto per il tuo sito

articolista freelance online

Il mondo dell’editoria online è potenzialmente molto redditizio, è interessante ed ha tanto da offrire. L’unico problema è che trovare gli articolisti giusti con cui condividere l’avventura di un sito web non è facile: un web writer non è solo una persona capace di scrivere bene in italiano. Occorrono specifiche competenze SEO, capacità di gestire un piano editoriale, comprensione degli aspetti di monetizzazione e molto altro ancora.

In questa guida troverai cinque strategie che potrai utilizzare per trovare gli articolisti online professionali più adatti al tuo sito web.

1. Evita i marketplace di articoli

La prima cosa da fare, per fare la cosa giusta, è evitare di fare quella sbagliata. I marketplace sono degli aggregatori di articolisti alle prime armi, solitamente indirizzati verso questi servizi da siti web affiliati. Si tratta spesso, purtroppo, di persone che hanno semplicemente seguito le istruzioni di qualche articolo “Come guadagnare online” e hanno così deciso di tentare la carriera da web writers.

Non aspettarti che sui marketplace tu possa trovare articoli ottimizzati SEO, ma soprattutto non considerare l’idea che ci siano delle persone esperte del tuo settore dietro lo schermo. In questi portali gli articolisti competono sul tempo per accaparrarsi le commesse più redditizie, senza indagare quale sia la destinazione editoriale o l’obiettivo di indicizzazione del committente.

Otterrai migliori risultati attraverso i forum e i gruppi di settore, oppure cercando semplicemente su Google.

articolista freelance online
Trovare articolisti online capaci e professionali è più facile fuori dai marketplace

2. Controlla sempre il portfolio dei candidati

Correggere un articolo, dare spiegazioni sul rifiuto e commissionarne il rifacimento richiede tempo. Prima di dare fiducia ad un articolista freelance, dunque, controlla le sue referenze ed il suo portfolio. Se non ha un sito web, chiediti quale sia la sua credibilità come professionista del mondo digitale: difficilmente i carrozzieri non hanno una macchina.

Prenditi il tempo necessario per esaminare i link inviati dagli articolisti e verifica che sia loro la firma in calce all’articolo. WordPress ti consente, nella maggior parte dei casi, di visionare la scheda autore e di riconoscere subito chi ti sta mentendo.

3. Offri una retribuzione adeguata

Esistono ottimi articolisti che non chiedono tanto per i loro servizi; allo stesso tempo esiste una pletora di articolisti improvvisati che accetta offerte irrisorie per la stesura dei contenuti. Dall’offerta monetaria, chiaramente, dipenderà il feedback ricevuto da parte dei web writers che vedranno il tuo annuncio: assicurati di sapere quanto pagare un articolista.

Nella community dei professionisti dell’editoria online esiste un detto: se offri noccioline, ti risponderanno soltanto scimmie. Per quanto brutale sia l’affermazione, chiunque abbia mai provato ad ingaggiare un blogger freelance sa che la realtà rispecchia da vicino questo motto.

4. Chiedi di SEO

Un articolista può avere le doti di scrittura di Gramellini, ma se i suoi contenuti non si indicizzano sui motori di ricerca è difficile che questo profilo sia adatto al lavoro online. Certo, potresti farti tu stesso carico della formazione del professionista; cosa succederebbe, però, se una volta formato scegliesse di lavorare per qualcun altro che offre una tariffa adeguata al nuovo livello di competenze raggiunto? Avresti sprecato ore di spiegazioni e ti ritroveresti nuovamente a cercare articolisti online.

Prima di iniziare una collaborazione, assicurati che il tuo contatto sappia adattare i propri testi alle regole della SEO on-page e che abbia coscienza di quali siano i principali fattori di indicizzazione di un sito web.

5. Articolista focus vs generalista

Non tutti sono in grado di scrivere su tutti gli argomenti: qualcuno lo è, per esperienza, ma pochi. Chi è davvero capace di fare ricerche online, magari esplorando le risorse in altre lingue -inglese in primis- ed imparando in fretta nuove nozioni, può scrivere virtualmente di qualsiasi cosa. Se il tuo sito web è generalista, in virtù di una maggior flessibilità della tua redazione faresti meglio a cercare vari articolisti in grado di adattarsi a temi diversi.

Per quanto un professionista possa cercare in tutti i modi di adattarsi al know-how di un esperto, ad ogni modo, un vero esperto si riconosce sempre. Per questo, se il tuo sito web è focalizzato su un’unica nicchia, cercare articolisti che abbiano già nelle loro corde i tuoi argomenti si rivelerà un asso nella manica contro la concorrenza.

1 opinione su 5 strategie per trovare l’articolista giusto per il tuo sito

  1. GIordano
    3 settimane fa

    Interessante, però rimango dell’idea che il miglior metodo per guadagnare online in modo sicuro sui 500 euro al mese dedicandoci qualche minuto al giorno sia il matched betting http://bit.ly/workbetpro

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *