Rispondere alle obiezioni più comuni

invitare le persone nel network marketing

La duplicazione è uno degli aspetti fondamentali del network marketing, è  impensabile di poter avere successo da soli, anzi avremo bisogno di una struttura importante.

Sarà facile coinvolgere le persone nella nostra opportunità? Assolutamente no, siamo in Italia, un paese molto scettico riguardo questa attività, per cui dovremmo essere abilissimi a rispondere alle obiezioni e alle paure delle persone.

In questo articolo ti voglio dare alcuni consigli su come invitare le persone e per raggiungere un tasso di conversione soddisfacente.

Quando invitiamo qualcuno ad un meeting, ad un appuntamento, a un videoconferenza, nella fase preliminare dobbiamo essere molto brevi, stiamo andando di fretta, la persona deve avere l’impressione che la nostra attività sta andando a gonfie vele e che siamo pieni di appuntamenti. Controlliamo la conversazione, mettiamo in risalto l’opportunità e cerchiamo di trasmettere il nostro entusiasmo.

Coinvolgiamo la persona, facciamola sentire importante, noi siamo interessati  alla sua opinione, potremmo dirgli che siamo venuti a conoscenza di una fantastica opportunità e che ci interesserebbe conoscere il suo parere.

Questo metodo va bene per le persone amiche, mentre se ci troviamo di fronte a qualcuno che non conosciamo, sempre in maniera molto rapida ma professionale, esponiamo l’opportunità della nostra azienda che sta cercando figure valide e lo invitiamo a un appuntamento ma lasciandogli un alternativa, “Io ho un paio di date disponibili, quando le è più comodo giovedì mattina o venerdì pomeriggio?

Chiamiamolo sempre per nome, alle persone fa piacere essere chiamati per nome, le fa sentire gratificate e allo stesso tempo si crea un rapporto di fiducia. La fiducia è importante, come abbiamo detto lo scetticismo sarà la prima barriera da superare, agli occhi dello sconosciuto, in prima battuta, noi siamo degli approfittatori che vogliono mettere mano al suo portafoglio.

Domande chiuse e due possibilità di scelta

Una volta concluso l’appuntamento, non chiediamogli che cosa ne pensa, le risposte aperte non vanno bene, facciamogli una domanda che necessita una risposta ben definita, ad esempio “che cosa le è piaciuto di più di questa opportunità?”. Le sue risposte potranno essere molteplici, il piano marketing, la qualità dei prodotti, la possibilità di avventurarsi in qualcosa di nuovo. Se la sua risposta è “niente”, lasciamo stare, non vale la pena affrontare un discorso con una persona con degli orizzonti così limitati.

Ma veniamo al punto delle obiezioni, una delle più comuni è il fatto di doverne parlare a casa, con la moglie, quindi per evitare questo, invitiamoli entrambi al prossimo evento, se questo non è possibile, fissa un secondo appuntamento e vai a casa loro quando sono ambedue presenti.

La seconda obiezione ci viene dallo scettico, magari lui che ha preso una fregatura molti anni fa e vuole compiere delle ricerche sulla compagnia, lasciamolo fare, “ok faccia pure le sue ricerche, ma si fidi, le ho già fatte io, questi documenti che le ho mostrato sono il frutto della mia ricerca. Di quali altri elementi ha bisogno per decidere?

E veniamo alla mia preferita “ma lei quanto guadagna?” Questo non è importante, ognuno può raggiungere obiettivi diversi, noi questa attività la stiamo già facendo, abbiamo fatto il nostro percorso e abbiamo imparato come muoverci, adesso sta a questa persona cominciare per raggiungere i suoi obiettivi, che potranno anche essere superiori ai nostri, ma se non comincia non lo sapremo mai!

Anche “non ho tempo“ è molto gettonata,  in questo caso facciamogli capire che si tratta di un’attività che può gestire liberamente, a seconda dei suoi impegni e con molto tatto, gli facciamo capire che tutto il tempo che sta dedicando al suo lavoro principale, magari non gli sta portando dei risultati adeguati.

Infine abbiamo la persona con problemi economici, magari è solo una scusa, noi non lo sappiamo, per cui sempre con molto tatto, gli facciamo notare che se non dispone di una cifra modesta come quelle richieste dalla maggior parte delle aziende di network marketing, forse è venuto il momento di rivedere qualcosa nella sua vita, e che se vuole iniziare, si può fare l’iscrizione e poi cominciare a lavorare per invitare nuove persone ai meeting per poi passare al passo successivo.

Queste sono le obiezioni, che secondo la mia esperienza, le persone usano per evitare di mettersi in gioco, se ne hai sentite altre puoi lasciare un commento di seguito e vedremo insieme come rispondere.

Condividi :

6 opinioni su Rispondere alle obiezioni più comuni

  1. A me è capitato un ragazzo, che era molto interessato, ma poi non ha aderito perchè aveva paura che la fidanzata lo cazziasse per l’investimento iniziale, dicendomi che si lamenta sempre che lui non ha mai i soldi per fare un weekend fuori o altre cose di coppia…

  2. Ci ho già provato tempo fa e nessuno dei miei amici era interessato !
    Questa è la scusa che sento più spesso 😉

  3. Il Freno Principale di tutte le persone è LA PAURA !
    Può essere la paura di fallire , la paura di sbagliare , la paura di cambiare ..
    E’ da là che scattano le scuse come non ho tempo , non ho soldi ..ecc .

    Chi ben comincia è a metà dell’opera !

    Usa la tua paura come elemento motivante per avere successo !

    Ti invito a chiederti : perché NO ? Perché non iniziare OGGI ?

  4. L’obiezione più comune che mi viene fatta dalle persone a cui propongo un’attività, è quella che a loro non piace essere dei venditori ed andare a convincere altre persone… Ma chi ha mai detto che fare Multi level marketing significa questo?… E vabbè, purtroppo sono delle paranoie e delle idee che le persone si creano senza prima documentarsi e informasi su che cosa significa fare davvero questo magnifico mestiere…

  5. A me è capitata una cosa che mi ha fatto cascare le braccia, tempo fa ho proposto Unetenet a un conoscente, era molto entusiasta e ci siamo salutati con l’intenzione di fare l’iscrizione a breve. Mi richiama dicendo che aveva parlato con il suo commercialista e insieme avevano fatto i conti che avrebbe pagato più tasse, quindi non è entrato. Ma dico io..se guadagni di più, qual’è il problema ?

Lascia un commento...è gratis...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *